Procedura

 

I principali passaggi per l’attivazione di un tirocinio:

  • il soggetto ospitante (azienda) stipula una Convenzione con il soggetto promotore (FORMart) e collabora con esso alla stesura del Progetto Formativo;
  • il Progetto Formativo deve avere a riferimento una Qualifica del sistema regionale;
  • l’azienda designa un responsabile del tirocinio (tutor, con competenze professionali adeguate) che collabora con FORMart alla stesura del progetto formativo;
  • il soggetto promotore (FORMart) designa un referente formativo (tutor didattico e organizzativo);
  • il Progetto Formativo deve essere sottoscritto da: soggetto promotore (FORMart), soggetto ospitante (azienda) e tirocinante;
  • il tirocinante deve essere assicurato contro gli infortuni (INAIL) e per la responsabilità civile verso terzi;
  • l’azienda (o suo delegato) comunica al Centro per l’Impiego l’attivazione del tirocinio entro il giorno antecedente all’inizio del tirocinio (le aziende multi localizzate possono accentrare tutte le comunicazioni sulla regione della sede legale);
  • il soggetto promotore (FORMart) invia alla Regione Emilia Romagna la convenzione e il progetto di tirocinio;
  • il tutor aziendale aggiorna la documentazione (registro ecc..) per tutta la durata del tirocinio;
  • il tirocinio deve consentire l’acquisizione da parte del tirocinante di almeno una unità di competenza della Qualifica di riferimento;
  • al termine del tirocinio il soggetto promotore (FORMart) attesta le capacità e conoscenze acquisite dal tirocinante secondo la normativa regionale di riferimento.