Da Roma a Parma per diventare estetista: il sogno e la storia di Bianca

 

A 19 anni Bianca sognava di diventare estetista, oggi ha aperto il suo centro estetico. È la storia di una delle nostre allieve a cui siamo particolarmente legati, che è entrata per la prima volta nella nostra Academy 9 anni fa. 

Nonostante sia di Roma, ha scelto di frequentare il nostro corso di qualifica di Parma. Dopo il suo percorso in Academy e lo stage curriculare, ha mosso i suoi primi passi lavorando in alcuni centri estetici a Roma. Oggi, a distanza di 9 anni, è riuscita a realizzare il suo sogno ed aprire a Roma il suo centro estetico.

Orgogliosi di Bianca, abbiamo voluto fare quattro chiacchiere con lei. Le abbiamo chiesto di raccontarci la sua storia.

 

Cosa ti ha portato da Roma all’Academy di Parma?

«Volevo diventare estetista e lo volevo fare nel migliore dei modi. Cercavo la miglior formazione possibile. Puntavo a diventare un’estetista qualificata, ma non solo sulla carta. Allora ho chiesto consiglio ad alcuni professionisti che mi hanno segnalato l’Academy Obiettivo Bellezza di Parma come la scuola più adatta alle mie esigenze, con un livello di professionalità e competenze maggiori di altre scuole di estetica di Roma.

E così… ho scelto di partire.»

 

Le tue aspettative sono state confermate?

«Si, assolutamente! Ho trovato docenti bravissimi e strumenti all’avanguardia, non potevo desiderare di meglio. Tutte le persone con cui sono entrata in contatto sono state gentilissime e disponibilissime. Ancora oggi sono molto legata ad alcune di loro.»

 

Chi è stato per te una vera e propria guida nel tuo percorso di crescita?

«Sicuramente le mie docenti. Con Silvia Marocco non ho imparato solo le tecniche estetiche, ma anche tutti i segreti del mestiere. Con lei ho imparato anche a gestire i clienti e a progredire nella mia carriera. Mi ripeteva sempre di non fare mai il passo più lungo della gamba. Con gli anni ho capito il perché.

Ricordo anche Cinzia Costantino come una grandissima professionista, abilissima nell’esecuzione e nella dimostrazione dei trattamenti. Da lei ho appreso tutti i trucchi dell’estetista per ottenere risultati perfetti per soddisfare ogni cliente.

Ma, soprattutto, sono legata a quella che è stata la mia tutor Paola Iamunno. Anche dopo il mio percorso di qualifica, siamo sempre rimaste in contatto. Poi, senza di lei non avrei potuto realizzare facilmente il mio progetto.

Si, assolutamente! Ho trovato docenti bravissimi e strumenti all’avanguardia, non potevo desiderare di meglio. Tutte le persone con cui sono entrata in contatto sono state gentilissime e disponibilissime. Ancora oggi sono molto legata ad alcune di loro.»

 

A proposito del tuo progetto, qual è stata la tua strada prima di aprire un centro estetico?

«Il primo passo è stato lo stage curriculare. Grazie all’organizzazione del corso, ho potuto farlo qui, a Roma, nella mia città. Appena due giorni dopo aver preso la qualifica lo stesso centro estetico di Roma mi ha assunto ad appena 21 anni. Così è iniziata la mia carriera. Ho cercato di fare sempre più esperienze possibili in diversi centri estetici sempre a Roma. Finché ho deciso di fare il grande passo: aprire il mio centro.»


Per Bianca mancava un ultimo ostacolo per realizzare il suo progetto: superare l’esame di abilitazione per direttore tecnico. A Roma, ha trovato un muro tra sé e i suoi sogni. Al contrario, la nostra tutor Paola Iamunno, ha trovato il modo di riconoscere l’esperienza di Bianca che ha potuto sostenere la prova da privatista.

 

E oggi? Finalmente ce l’hai fatta!

«Finalmente ho potuto realizzare il mio progetto. Ho aperto da poco il mio piccolo centro estetico a Roma. Sono solo all’inizio della mia avventura. Ma cerco di mettere in pratica tutta la mia esperienza. “Il mio angolino” deve essere perfetto. Ogni cliente deve sentirsi coccolata e star bene con se stessa. Per questo darò sempre il massimo e cercherò di proporre solo prodotti di alta qualità.»

Conoscendo la determinazione e l’impegno di Bianca, crediamo che avrà tutti gli strumenti per gestire e far crescere nel migliore dei modi il suo piccolo centro. Orgogliosi di lei, a noi non resta che farle tanti auguri per la sua nuova avventura.