Meccanico + elettrauto = Meccatronico. La rivoluzione del 2018 per gli autoriparatori

 
 

Il 2018, per chi opera nel settore dell’autoriparazione, inizia subito con una grande novità: il 5 gennaio scade la deroga quinquennale concessa dalla legge 224/2012 che racchiude nella nuova figura del meccatronico le professioni di meccanico e elettrauto.
Entro questa data, i titolari e i tecnici responsabili di officine iscritte al Registro Imprese o all’Albo Artigiani con l’abilitazione a solo una delle due professioni dovranno dunque mettersi al passo con la nuova legge.

Come? Frequentando, proprio entro il 5/1/2018 i percorsi di formazione da 40 ore finalizzati al conseguimento dell’attestato per poter continuare a esercitare la propria attività. Chi non riuscirà ad abilitarsi entro i primi giorni di gennaio rischierà invece di incorrere in sanzioni amministrative che possono arrivare fino ai 15.000 euro, secondo le disposizioni della precedente legge 122/1992.

COSA CAMBIA PER IL MECCANICO – Chi si è occupato finora solo di motori dovrà presto apprendere come intervenire in officina sulle parti elettroniche, sui sistemi ABS, EOBD, CANBUS e sugli impianti di condizionamento. I meccanici più ottimisti non considerano questo cambiamento come una minaccia alla loro attività, bensì come una opportunità per raddoppiare i clienti e i lavori di riparazione. Soprattutto sulle auto ibride.

COSA CAMBIA PER L’ELETTRAUTO –
Viceversa, dal 2018 ogni elettrauto dovrà dimostrare di essere abilitato per effettuare la diagnostica, la manutenzione e la riparazione di noie meccaniche. Non solo apprendendo le basi teoriche di meccanica e idraulica: all’interno del loro percorso formativo sono previste alcune esercitazioni pratiche.

L’ULTIMA OCCASIONE PER FREQUENTARE I CORSI –
Sono in partenza le nuove edizioni dei percorsi compensativi per meccanici ed elettrauto. Le lezioni sono affidate a docenti esperti, tra cui periti meccanici, esperti di elettronica e istruttori della motorizzazione civile. Considerata l’elevata durata del corso, si tratta dell’ultima occasione per mettersi in pari con la scadenza del prossimo gennaio.

LE FIGURE ESENTI DALLA FORMAZIONE - 
Secondo le disposizioni della legge 224/2012, sono esentati dai percorsi di abilitazione all’attività meccatronica:

  • i tecnici responsabili che alla data del 5/01/2013 abbiano già compiuto 55 anni (fino al conseguimento della pensione di vecchiaia);
  • i responsabili di officine abilitate sia all'attività meccanica-motoristica, sia all'attività di elettrauto

Esistono inoltre misure di esenzione, differenti da provincia a provincia, per i responsabili tecnici che riusciranno a comprovare la doppia attività lavorativa di meccanico ed elettrauto eseguita in passato. In questo caso, il riferimento unico per ottenere l’esenzione dai percorsi compensativi è la camera di commercio territorialmente competente in ciascuna provincia.

Per maggiori informazioni potete contattare la sede FORMart più comoda